Domenica, 03 Luglio 2022
stampa
Dimensione testo

Società

Home Società Befana in Puglia, la calza appesa nel 44% delle case. A Bari doni per i bambini ricoverati
TRADIZIONI

Befana in Puglia, la calza appesa nel 44% delle case. A Bari doni per i bambini ricoverati

I dati raccolti da Coldiretti/Ixè per la Festa dell’Epifania al tempo del Covid

Resiste in Puglia la tradizione della calza della Befana, appesa in quasi una casa su due (44%) mentre ad una minoranza del 10% l'Epifania ha portato altri regali. E’ quanto emerge da una elaborazione Coldiretti/Ixè per la Festa dell’Epifania al tempo del Covid.
Tante le iniziative di beneficenza. A Bari è arrivata la "calza sospesa" ai bambini ricoverati all’Ospedale pediatrico Giovanni XXIII, riempita con i dolci a Km0, fatti secondo le ricette antiche delle nonne. L’iniziativa è di Coldiretti Donne Impresa della Puglia e Campagna Amica che, in occasione della festa della Befana, hanno mobilitato cuoche e cuochi contadini, per arricchire di leccornie la ‘calza della Befana di campagna’. Se infatti tradizionalmente nella calza ci sono cioccolate, caramelle e carbone dolce, la spinta verso una migliore alimentazione ha contagiato anche la Befana e in molte famiglie – sottolinea la Coldiretti Puglia – tornano anche i frollini alla marmellata di fichi e ciliegie, i tortini alle carote, le crostate al miele e le castagnole.
Nella ‘calza’ i bimbi hanno ricevuto anche il quaderno di agrididattica ‘La Campagna Amica’, realizzato da Fondazione Campagna Amica e Coldiretti Donne Impresa, una pubblicazione nata per sensibilizzare gli alunni e le loro famiglie ai temi significativi dell’educazione agro-alimentare e ambientale.

Nel lungo ponte dell’Epifania non mancheranno iniziative per aiutare a riempiere la calza secondo le tradizioni locali del territorio in molti mercati degli agricoltori di Campagna Amica in Puglia, dove per l’occasione sono stati organizzati anche appuntamenti con la solidarietà a favore delle famiglie in difficoltà. “Tra le categorie più deboli in Puglia si contano oltre 30 mila bambini di età inferiore ai 15 anni che hanno bisogno di essere assistiti e sono a forte rischio di povertà anche educativa e di dispersione scolastica, con oltre 300 fattorie didattiche pugliesi che potrebbero oggi mettere a disposizione spazi per le lezioni dei ragazzi in modo da permettere di rispettare le misure di sicurezza anti contagio da Covid”, afferma Floriana Fanizza, responsabile nazionale e regionale di Coldiretti Donne Impresa.

Anche se resta forte il richiamo della tradizione è cambiato dunque – precisa la Coldiretti regionale – il contenuto delle calze “appese” al camino dalla simpatica vecchietta che in passato ai più “discoli” regalava solo aglio, peperoncino, patate e carbone vero. Per molti bambini – continua la Coldiretti – l’arrivo della Befana è anche l’occasione per ricevere gli ultimi regali delle feste con l’arrivo di giochi e giocattoli, spesso anche per sanare le delusioni del Natale. Da qualche anno però – sostiene la Coldiretti regionale – l’appuntamento si è diffuso anche tra gli adulti che sfruttano l’occasione per scambiarsi o farsi doni, anche simbolici, spesso approfittando dell’inizio della stagione dei saldi. Una ultima occasione di festa – conclude la Coldiretti Puglia – fa salire a quasi 450 milioni il valore dei regali acquistati durante le festività di fine ed inizio anno in Puglia.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook