Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca L'Usb di Taranto annuncia lo sciopero dei lavoratori della Nial Mail
BRACCIA INCROCIATE

L'Usb di Taranto annuncia lo sciopero dei lavoratori della Nial Mail

L’Usb di Taranto annuncia per il 28 gennaio prossimo uno sciopero dei lavoratori della Nial Mail, società di recapito della corrispondenza che opera per conto di Poste Italiane, Comune, Tribunale, Asl e altri enti pubblici, e un ricorso al Tribunale contro il licenziamento di Ines Marino, la lavoratrice licenziata l’antivigilia di Natale. Provvedimento fondato, sostiene l’Unione sindacale di base, «su un’inesistente segnalazione di lamentele circa il suo operato da parte del comando della Polizia Municipale di Taranto, in qualità di committente della Nial Mail». Il Comune di Taranto, aggiunge il sindacato, «sta procedendo con le verifiche e i controlli nei confronti della Nial Mail (società che fornisce all’Ente cittadino il servizio di notifica delle sanzioni amministrative e degli atti giudiziari), avviati in seguito alla lunga mobilitazione delle lavoratrici e dei lavoratori che da mesi rivendicano giuste condizioni di lavoro, il rispetto delle leggi e dei contratti e contestano il licenziamento pretestuoso della collega, la cui sola colpa è quella di aver aderito all’Usb e richiesto giustizia per sé e per gli altri». L'interessamento «del commissario prefettizio Vincenzo Cardellicchio e della struttura commissariale - conclude l’Usb - lasciano ben sperare in una svolta positiva nel breve termine in grado di ristabilire condizioni di rispetto della dignità e dei diritti dei lavoratori e la salvaguardia delle ingenti risorse pubbliche impegnate negli appalti in questione. Intanto prosegue la mobilitazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook