Giovedì, 06 Ottobre 2022
stampa
Dimensione testo

Politica

Home Video Politica Bari, Decaro chiude l'anno elencando i 12 errori commessi nel 2021

Bari, Decaro chiude l'anno elencando i 12 errori commessi nel 2021

Il sindaco si è concentrato sulle opere e sugli interventi non portati a termine: "Giusto provare a mantenere con i cittadini un rapporto trasparente basato su dati oggettivi"

Poco spazio ai risultati ottenuti, molto alle cose non concretizzate. Il sindaco di Bari, Antonio Decaro, ha scelto un modo inconsueto per chiudere l'anno. Ha raccontato non obiettivi raggiunti nel 2021 ma le opere e gli interventi non portati a termine nell’anno che si sta per concludere.
“Quest’anno ho deciso di cambiare lo schema della conferenza stampa di fine anno. L’ho fatto quando ho sentito di un’iniziativa editoriale di un free press per cui avevano scelto di pubblicare gli errori giornalistici commessi nel corso del 2021. Facendo ammenda. E mi sono ricordato di tutte le volte che i cittadini mi rimproverano di far vedere solo la parte positiva dell'azione amministrativa attraverso comunicati, post, immagini fotografiche e video. E mai quello che non funziona.
Credo, quindi, sia giusto provare a mantenere con i cittadini un rapporto trasparente basato su dati oggettivi rispetto ai risultati raggiunti dall’amministrazione – ha spiegato Decaro -. Ho voluto fare questo, non perché l’amministrazione in questo anno non abbia portato a termine tante cose e tanti provvedimenti, ma perché se io per primo quando cammino per strada noto i comportamenti sbagliati dei cittadini e a volte li rimprovero, credo sia giusto che anche loro abbiano modo di rimproverare me, fatti alla mano. Per questo ho deciso di elencare gli errori che ho commesso quest’anno. Ne ho trovati dodici, ma certamente ne abbiamo fatti molti di più. Quindi vorrei cominciare il nuovo anno con una azione che ritengo tra le più sane e positive: chiedere, sinceramente, scusa a tutta la città e poi prendere l’impegno di porre rimedio a questi errori, realizzando le opere e attivando i servizi che in questo anno non siamo riusciti a portare a termine.

Oggi vorrei chiedere scusa, ma vorrei anche dire grazie per tante cose fatte. Grazie ai dipendenti comunali, ai lavoratori delle aziende, agli assessori, ai media che le hanno raccontate. Grazie a tutti gli operatori che lavorano sui servizi esterni, che sono sui territori, grazie soprattutto a tutti quei cittadini che hanno rispettato le regole e che contribuiscono a far crescere la nostra città. Perché se tutti quanti imparassimo a chiedere scusa e a dire grazie quando serve forse saremmo una comunità più giusta e che impara a rispettare di più diritti e doveri di ciascuno. Io oggi, da sindaco vorrei dare l’esempio”.

Di seguito i dodici errori dichiarati dal sindaco relativi ai provvedimenti, opere e servizi non portati a termine nel 2021.

1. Estensione raccolta differenziata porta a porta nel quartiere San Paolo;
2. Avvio gara waterfront Santo Spirito;
3. Apertura chioschi waterfront san Girolamo;
4. Potenziamento uffici anagrafe;
5. Avvio gestione ex Mercato del pesce;
6. Avvio nuova concessione Torre Quetta;
7. Estensione della ZSR quartiere Libertà;
8. Apertura parco Rossani;
9. Acquisto nuovi mezzi per la pulizia delle strade;
10. Avvio dei lavori per la manutenzione delle strade;
11. Sistemazione dello stadio San Nicola;
12. Attivazione bike sharing.

“A questi, che sono solo alcuni degli errori commessi, si aggiungono le tantissime cose invece portate a termine, i progetti avviati, i servizi e gli aiuti concessi alle famiglie, alle imprese e agli operatori colpiti dalle restrizioni legate al covid – ha concluso Decaro -. Il 2022 sarà un anno in cui dovremo lavorare tanto, per completare gli interventi non portati a termine, ma anche per far fronte all’ingente quantità di fondi che sono arrivati e che arriveranno ancora. Da una rapida disamina possiamo contare circa 1 miliardo di euro di finanziamenti già ottenuti attraverso le nuove risorse legate al PNRR. Importo che la città di Bari non aveva mai ottenuto nella sua storia”.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook