Venerdì, 19 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Da Venezia a Barletta e Trani, evasione di 8 milioni di euro sull'iva su manodopera e facchinaggio

Da Venezia a Barletta e Trani, evasione di 8 milioni di euro sull'iva su manodopera e facchinaggio

Sono state 44 le perquisizioni locali e domiciliari eseguite nelle varie province italiane tra Veneto, Friuli, Lombardia, Emilia, Lazio e Puglia

Anche la provincia Bat, e segnatamente le città di Barletta e Trani, sono state interessate da una vasta attività su scala nazionale della Guardia di Finanza di Venezia nell'ambito di una maxi operazione sulla logistica.
Le Fiamme gialle hanno eseguito provvedimenti cautelarti, su disposizione della Procura della Repubblica di Padova, nei confronti di 8 persone, ma nel registro degli indagati figurano numerosi altri soggetti fra persone fisiche e società.
L’ipotesi, a vario titolo, è di una rilevante frode all’iva, per 8 milioni di euro, perpetrata nel settore della fornitura di manodopera, facchinaggio e logistica al servizio della grande distribuzione organizzata.
Complessivamente sono state 44 le perquisizioni locali e domiciliari, eseguite nelle province di Venezia, Belluno, Treviso, Padova, Verona, Rovigo, Udine, Brescia, Monza-Brianza, Bologna, Piacenza, Cremona, Rimini, Roma e Bat, in collaborazione con i militari dei Comandi Provinciali interessati.

Individuata una rete di società articolata su due livelli di operatività, con alla base della struttura una serie di piccole cooperative che avrebbero fatturato ingenti importi relativi al facchinaggio nei confronti di società intermedie le quali, a loro volta, avrebbero fatturato nuovamente il medesimo servizio a primarie imprese della grande distribuzione, queste ultime non consapevoli della frode, con le quali avevano stipulato importanti contratti di fornitura di manodopera.
Le società, a fronte di rilevanti volumi d’affari realizzati in un arco temporale molto limitato (poco più di un anno), non avrebbero ottemperato poi ai previsti obblighi dichiarativi e di versamento delle imposte. Il continuo cambio di sede delle società avrebbe permesso ai presunti autori della frode di rendere più difficoltosa l’attività di controllo da parte dell’Amministrazione finanziaria.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook