Mercoledì, 17 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Video Cronaca Spaccio di droga a Castellana Grotte, tre persone in manette VIDEO

Spaccio di droga a Castellana Grotte, tre persone in manette VIDEO

Questa mattina, i Carabinieri del Comando Compagnia di Monopoli, coadiuvati da personale dello Squadrone Eliportato Cacciatori Puglia e del Nucleo Cinofili di Modugno, hanno dato esecuzione a un’ordinanza applicativa di misure cautelari   a carico di tre soggetti indagati a vario titolo per reati in materia di sostanze stupefacenti.

Secondo l’impostazione accusatoria, gli indagati avrebbero consumato i reati di produzione, traffico e detenzione illeciti di sostanze stupefacenti, in concorso. I provvedimenti scaturiscono da un’indagine condotta dalla Stazione Carabinieri di Castellana Grotte, da cui emergono gravi indizi di colpevolezza a carico di P.C., 36enne, titolare di un B&B, quale figura centrale dello smistamento di cocaina nella Comune di Castellana Grotte, D.C., 26enne, indiziato di rivestire il ruolo di “adepto” del 36enne, dal quale avrebbe acquistato cocaina pura, successivamente rivenduta ai singoli acquirenti sempre sotto precise indicazioni del primo, e V.D.M., 46enne, quale partecipe nell’attività di spaccio del 36enne, al quale avrebbe procacciato anche nuovi clienti, aiutandolo ad occultare la cocaina.

L’indagine prendeva le mosse all’indomani dell’esecuzione di numerose misure cautelari con l’operazione “Eclissi” nei confronti di vertici e sodali di un’associazione armata, finalizzata al traffico di cocaina, con base logistica e operativa a Castellana Grotte. In tale contesto, si erano sviluppate in quel territorio e nel settore del traffico della droga, nuove dinamiche e nuovi assetti criminali che avevano fatto emergere anche nuove figure delinquenziali.  Secondo l’impostazione accusatoria accolta dal Gip (fatta salva la valutazione nelle fasi successive con il contributo della difesa) i tre indagati avrebbero posto in essere un’intensa e frenetica attività di spaccio di cocaina nel comune di Castellana Grotte.

In particolare, la droga, procurata in quantità significative (nella misura di 20-25 grammi alla volta) dal 36enne al 26enne, sarebbe stata da quest’ultimo, coadiuvato dal terzo indagato, immediatamente “tagliata”, confezionata in dosi e immessa sul mercato. Lo stesso 36enne avrebbe avuto altresì un proprio giro di clienti “al dettaglio” che provvedeva a rifornire con frequenza quasi quotidiana e con collaudate modalità di incontro e cessione. Dalle attività tecniche, condotte dai Carabinieri, nel periodo compreso tra marzo e maggio 2021, è emerso come gli indagati usassero un linguaggio sufficientemente esplicito, facendo chiaro riferimento alla cocaina smerciata e finanche al fatto che la sostanza “bruciasse un po’ il naso”.

In un’occasione, dopo aver acquistato una fornitura di cocaina di 15 grammi a fronte di 900 euro, due degli indagati commentano come i mancati guadagni dipendessero dal fatto che la sostanza non era tagliata a sufficienza: “la sto tagliando a poco”…, “se tu dai 70 euro 0,6 al pubblico, la stai dando a più di cento! Su 6 pezzi ne esce un altro”.  Circa venti gli episodi di spaccio documentati dai Carabinieri. Al termine dell’operazione, i primi due sono stati tradotti in carcere, mentre il 46enne è stato posto agli arresti domiciliari presso la propria abitazione, a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook