Lunedì, 15 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Foto Cronaca Bari, un ex bar in centro città trasformato in discarica. Scattano i sigilli FOTO

Bari, un ex bar in centro città trasformato in discarica. Scattano i sigilli FOTO

Un ex bar in pieno centro cittadino, trasformato in un vero e proprio deposito incontrollato di rifiuti, è stato sequestrato dalla polizia locale nel centro di Bari. Il locale era un famoso bar con oltre 70 anni di attività, oramai chiuso e in abbandono da anni. Non è sfuggita all'attenzione di una pattuglia del Nucleo di Polizia giudiziaria ed ambientale della locale barese, qualche giorno fa, la sosta sospetta di un autocarro in pieno centro città,  sul quale venivano caricati sistematicamente rifiuti, pezzi di arredamenti rottamabili,  rifiuti edili, parti di banconi da bar abbandonati, RAEE in disuso e rifiuti speciali vari.

Dopo appostamenti e  indagini mirate da parte degli agenti,  venivano sorpresi al lavoro, all'interno del locale, intenti a smantellarne gli interni, 4 soggetti di nazionalità straniera (3 rumeni ed un afgano) ingaggiati dal titolare di una ditta individuale che svolge ordinariamente lavori di montaggio e smontaggio arredi. La persona che risulta aver commissionato il lavoro  (abusivamente in corso) era già stata denunciata dalla Polizia Locale per illeciti ambientali qualche anno fa per aver abusivamente creato una discarica e attivato una gestione illecita di rifiuti  nella zona industriale di Bari (negli ex locali ed aree scoperte di una storica  concessionaria di veicoli oramai in abbandono in via Accolti Gil).

A sua volta la ditta aveva ricevuto incarico dai nuovi locatori dei locali del vecchio bar,  lo smantellamento e pulizia dei locali, dove probabilmente troverà collocazione un nuovo pubblico esercizio. Il tutto senza alcuna autorizzazione.

Due soggetti sono stati denunciati all'autorità giudiziaria a vario titolo e in concorso per aver realizzato un deposito incontrollato di rifiuti e per la gestione illecita di rifiuti.  Il locale è  stato posto sotto sequestro giudiziario a disposizione dell'autorità giudiziaria,  mentre accertamenti sono ancora in corso per verificare dove possano essere stati smaltiti abusivamente tutti i rifiuti speciali. Al vaglio pure la posizione irregolare dei lavoratori sorpresi per le dovute segnalazioni anche agli Organi ispettivi e previdenziali.

© Riproduzione riservata

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook