Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Economia, in Puglia la crescita del 2021 frenata dalla guerra
BANCA D'ITALIA

Economia, in Puglia la crescita del 2021 frenata dalla guerra

Puglia, Economia
La sede della Banca d'Italia

Nel 2021 l'economia pugliese ha registrato una crescita del 6%, dopo il forte calo dell'anno precedente dovuto alla pandemia. Ma le prospettive per il 2022 non sono rosee a causa dell'inflazione aggravata dalla guerra. Lo rilevano le stime dell'indicatore trimestrale delle economie regionali (ITER) sviluppato dalla Banca d'Italia. Tra i dati più rilevanti c'è quello relativo al mercato del lavoro, con un aumento dell'occupazione dell'1,6%, riuscendo a recuperare quasi completamente i livelli pre-pandemia (-0,8% rispetto al 2019). E' però lievemente cresciuto il tasso di disoccupazione, al 14,6%. Con la ripresa dell'economia sono aumentati anche i consumi (+4,3%) ma è aumentato anche il ricorso alle misure di sostegno ai redditi, reddito e pensione di cittadinanza, che registra +12% rispetto al 2020.

L'attività industriale ha recuperato gran parte del calo del 2020: il valore aggiunto è aumentato del 10,2%, del 20,6% nel settore delle costruzioni. Su questo ha inciso l'incremento delle compravendite immobiliari (+37,2%). La produzione siderurgica è aumentata di circa un quinto e anche le esportazioni hanno registrato una ripresa del 4,9%. Meno intenso il recupero delle attività del terziario, anche perché le presenze turistiche, seppure in forte crescita (+36,9%), rimangono ancora al di sotto dei livelli del 2019. Nell'agricoltura il valore aggiunto è aumentato dello 0,9% e su questo settore incide l'andamento del comparto olivicolo per gli effetti negativi della diffusione della Xylella. Nel 2021 i depositi bancari delle famiglia e delle imprese hanno continuato a crescere, sebbene in misura meno intensa rispetto all'anno precedente (5,8% a dicembre rispetto al 12,3% di fine 2020).

A partire dalla seconda metà dell'anno, evidenzia il report di Bankitalia per la Puglia, hanno gravato sulle imprese gli aumenti dei costi dell'energia e delle materie prime, ulteriormente intensificati a marzo 2022 per la guerra in Ucraina. Una possibilità di resistere potrebbe essere rappresentata dai fondi del Pnrr ma a preoccupare sono i tempi dei lavori pubblici: in Puglia la durata media è di 877 giorni contro una media nazionale di 633.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook