Sabato, 25 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Economia

Home Economia Pnrr, l'annuncio del dipartimento Salute Puglia: “Creeremo ponte ospedale-territorio”
IL PROGETTO

Pnrr, l'annuncio del dipartimento Salute Puglia: “Creeremo ponte ospedale-territorio”

asl, dipartimento salute, Puglia, Economia
L'ospedale di Bari

Migliorare i percorsi diagnostici e terapeutici per i pazienti affetti da malattie croniche facendo interagire i medici di Medicina generale con gli specialisti territoriali e ospedalieri. È questo l'obiettivo del progetto frutto di un accordo di collaborazione fra Asl Bari e Healthcare Network Partners s.r.l., con il sostegno di Novartis Farma. I dettagli del progetto sono stati presentati oggi nella Casa della Salute a Castellana Grotte. Ad aprire i lavori, il direttore del dipartimento Salute della Regione, Vito Montanaro. "La Puglia, già prima del Covid - ha detto Montanaro - era partita nel cercare di organizzare il territorio in modo che ci fosse un ponte tra ospedale e territorio. Il Pnrr fa venire alla ribalta in modo poderoso il tema della sanità territoriale evidenziando in particolare l'opportunità di inserire in queste strutture oltre al medico di medicina generale gli specialisti, interni ed esterni, uno schema che noi avevamo già avviato prima dell'emergenza Covid e in questo la Casa della Salute di Castellana rappresenta un plastico esempio. Di fatto, il Pnrr - ha concluso Montanaro - ci consente di accelerare il processo di cura anche in assistenza domiciliare, integrata e protetta. I medici di base e gli specialisti non si dedicano soltanto alla cura del paziente cronico in strutture extra-ospedaliere, territoriali e sanitarie, ma la stessa organizzazione potrà raggiungere il paziente cronico a casa, nel caso in cui esso non possa recarsi nella struttura territoriale ed e' inutile che vada in un ospedale". Per il direttore generale della Asl, Antonio Sanguedolce, "è un progetto molto importante nella prospettiva della medicina territoriale, che diventerà uno degli obiettivi principali nei prossimi anni anche in base al Pnrr". Il bacino di utenza a cui il nuovo progetto si rivolge comprende 24mila pazienti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook