Domenica, 27 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Puglia, personale Ata insufficiente per riaprire le scuole
LA NOTA

Puglia, personale Ata insufficiente per riaprire le scuole

Lo sottolinea Gianni Verga, segretario generale della Uil Scuola Puglia: "Le responsabilità sono una classe politica che, irresponsabilmente, in cinque anni di legislatura e in particolare negli ultimi tre contraddistinti dall’emergenza pandemica, non ha mai preso provvedimenti concreti"

“Il personale Ata assegnato alle scuole pugliesi risulta assolutamente insufficiente per garantire l'erogazione del servizio scolastico. Così, anche aprire gli istituti, per non parlare della gestione quotidiana degli stessi, tra qualche giorno, sarà pressoché un’impresa”.
Lo sottolinea Gianni Verga, segretario generale della Uil Scuola Puglia. Ai parametri già vecchi di decenni per determinare la pianta organica, infatti, si aggiunge il mancato rinnovo dell'organico aggiuntivo cosiddetto Covid.
“Così - spiega Verga - le scuole passeranno da un organico aggiuntivo di collaboratori scolastici pari a 3.928 unità (3.188 di organico Covid, oltre a 740 di organico in deroga), relativo all'anno scolastico appena conclusosi, ai 740 del prossimo. Si passa, così, da una media di 5,6 collaboratori scolastici per scuola (anno scolastico 2021/22) a una media di 1,3 del prossimo anno scolastico, senza che, nei fatti, sia cambiato nulla, in quanto gli spazi da gestire saranno sempre gli stessi e le precauzioni sanitarie sicuramente non mancheranno. Una situazione allarmante che può essere superata soltanto con uno stanziamento specifico di risorse finanziarie, la cui responsabilità non può ripercuotersi sugli uffici scolastici periferici e sulle scuole”.

“Le responsabilità - continua il segretario - sono tutte di una classe politica che, irresponsabilmente, in cinque anni di legislatura e in particolare negli ultimi tre, contraddistinti dall’emergenza pandemica, non ha pensato a come far ripartire la scuola in sicurezza né ha mai preso provvedimenti concreti in tale direzione. Le sollecitazioni che ci pervengono in queste ore dalle comunità scolastiche - conclude Verga - ci inducono a denunciare una condizione generale che può diventare ingestibile. Alla scuola non servono risorse inutili del Pnrr per finanziare progetti extracurricolari, ma occorrono segnali seri per garantire la gestione dell'ordinario. Chiediamo con urgenza un decreto legge che ripristini le condizioni per un anno scolastico in sicurezza, altrimenti chiederemo pubblicamente ai prefetti di intervenire”.

© Riproduzione riservata

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook