Venerdì, 12 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Lecce, vigilessa colpita alla spalla da un'arma ad aria compressa. "Chi ha agito è un vigliacco"
L'EPISODIO

Lecce, vigilessa colpita alla spalla da un'arma ad aria compressa. "Chi ha agito è un vigliacco"

Un colpo partito da un’arma ad aria compressa, contro una delle due agenti di polizia locale, entrambe donne, che stavano effettuando controlli di routine, in zona Settelacquare a Lecce. Il proiettile ha centrato la vigilessa sulla divisa, all’altezza della spalla. Si è conficcato nella stoffa e solo per un caso non ha colpito parti del corpo scoperte: il volto, gli occhi. La persona colpita ha necessitato delle cure del personale sanitario del 118: sta bene, non ha subito conseguenze.

Ma è naturalmente molto turbata da quanto è accaduto. Così come lo sono tutti i suoi colleghi. Sul posto si sono recati i carabinieri che insieme alla polizia locale stanno indagando per giungere a identificare il presunto cecchino. Si pensa che abbia impugnato l’arma, una scacciacani, dal balcone. In zona ci sono diversi palazzi. E abbia mirato al posto di controllo, per chissà quale oscura ragione. In queste ore si stanno effettuando perquisizioni, gli investigatori stanno visionando i filmati di qualsiasi impianto di videosorveglianza della zona possa aver captato qualche particolare determinante. Sgomento il comandante della polizia locale, Donato Zacheo: «Sono davvero sconvolto, è assurdo quello che è successo. Chi ha agito è un vigliacco, doppiamente considerato che la pattuglia era composta da due donne. Alla vigilessa va tutto il nostro supporto, la nostra vicinanza». «Rivolgo un pensiero di vicinanza, a nome di tutta la comunità leccese - scrive il sindaco di Lecce, Carlo Salvemini - alle agenti della Polizia Locale rimaste vittime questo pomeriggio di un azione criminale che solo per un caso non ha prodotto danni seri. Non ho parole per commentare chi imbraccia un fucile per sparare dalla propria abitazione per colpire due vigili impegnate nel compiere il proprio dovere per strada. Al sollievo per il pericolo scampato si accompagna la preoccupazione per quanto accaduto. Mi auguro che le indagini degli inquirenti possano presto individuare il responsabile».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook