Lunedì, 15 Agosto 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Mafia e droga in Puglia, 25 in manette: arresti anche in Calabria e Sicilia VIDEO
CARABINIERI

Mafia e droga in Puglia, 25 in manette: arresti anche in Calabria e Sicilia VIDEO

Smantellato un sodalizio criminale che trafficava droga con modalità mafiose nei territori di Bitonto e Gioia del Colle, nel Barese

Un’operazione antimafia dei carabinieri ha permesso di smantellare un sodalizio criminale che trafficava droga con modalità mafiose nei territori di Bitonto e Palo del Colle, nel Barese. I 25 arresti sono stati eseguiti in diverse località delle regioni Puglia, Calabria, Sicilia, Emilia Romagna e Friuli Venezia Giulia.

Dalle prime ore di questa mattina, i carabinieri del comando provinciale di Bari, a conclusione di complesse indagini coordinate dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Repubblica del capoluogo pugliese, hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare a carico dei 25 indagati.

Sono 25 le persone arrestate (24 in carcere e uno ai domiciliari) questa mattina dai Carabinieri, perchè ritenute responsabili, a vario titolo, di associazione per delinquere dedita al traffico e alla commercializzazione al dettaglio di ogni tipo di sostanza stupefacente, avvalendosi del metodo e delle finalità mafiose e avendo la disponibilità di armi. Gli inquirenti ritengono di avere chiuso il cerchio sul clan Cipriano, storico sodalizio criminale operante nel Barese, nelle città di Bitonto e Palo del Colle. L’attività investigativa, denominata «Porta Robustina», in riferimento alla zona del centro storico di Bitonto dove avveniva lo spaccio, è stata coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bari.

Le indagini ha preso avvio nel 2017 sia dopo l’omicidio del cittadino albanese Edvin Sadiku, avvenuto a Bitetto il 4 febbraio 2017, nel contesto dello spaccio di stupefacenti, e dopo quello dell’anziana Anna Rosa Tarantino, vittima innocente di mafia, avvenuto a Bitonto il 31 dicembre 2017 nell’ambito della guerra tra i due clan rivali: i Conte e Cipriano, operanti sul territorio. Il gruppo criminale era dedico al traffico e alla commercializzazione al dettaglio di sostanze stupefacenti di vario tipo. Il tutto con l’aggravante del metodo e delle finalità mafiose, avendo commesso i fatti, così come si legge nell’ordinanza «con modalità tipiche della minaccia mafiosa» ("in quanto poste in essere in maniera eclatante in pieno giorno, in zone frequentate da gente, anche avvalendosi di azioni armate") e con «finalità palesemente intimidatorie» ("in quanto idonee a mirate a esercitare nelle vittime, appartenenti al clan rivale in conflitto, una particolare coartazione psicologica e uno stato di assoggettamento dovuti alla capacità dell’azione commessa di evocare l’esistenza di consorterie e sodalizi amplificatori della valenza criminale del reato commesso").
Nell’ambito delle attività sono stati anche sequestrati 1 kg di marijuana, 500 grammi di hashish, 400 grammi di cocaina e 90 di eroina, ma anche una pistola semiautomatica modello 85 e circa un centinaio di cartucce di vario calibro. Oltre ai 25 arrestati, alle 43 persone che risultano indagate, sono contestati, a vario titolo, diversi episodi di detenzione e spaccio di droga, porto e detenzione di armi, un episodio di estorsione col metodo del cavallo di ritorno e diverse violazioni degli obblighi inerenti la Sorveglianza Speciale.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook