Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Foggia, video con banconote su Tik Tok dopo furti auto: sei arresti
OPERAZIONE ON THE ROAD

Foggia, video con banconote su Tik Tok dopo furti auto: sei arresti

Sei persone sono state arrestate (3 ai domiciliari e tre in carcere) dai carabinieri della compagnia di San Severo (Foggia) nell'ambito dell'inchiesta denominata "On the road" coordinata dalla procura di Foggia. Sono accusate in concorso tra loro e a vario titolo di associazione per delinquere finalizzata ai furti di autovetture ed estorsioni. Sono complessivamente 24 gli indagati. Le indagini sono iniziate dopo che il 22 marzo dell'anno scorso, ignoti hanno esploso alcuni colpi di arma da fuoco verso l'abitazione di un pregiudicato di San Severo. È così che i militari hanno scoperto l'esistenza di un gruppo criminale, con base operativa a San Severo specializzato in furti di autovetture di grossa cilindrata (Alfa Stelvio, Range Rover Evoque, Grande Cherokee, Maserati, del valore all'incirca di 40/50 mila euro cadauna) e moto tra il nord della Puglia (prevalentemente l'Alto Tavoliere), il Molise (prevalentemente Termoli, Montenero di Bisaccia), l'Abruzzo (prevalentemente Pescara, Francavilla a Mare, Vasto, Silvi Marina, Campli) e le Marche (Grottammare).

I mezzi rubati venivano cannibalizzati e i pezzi rivenduti oppure venivano usati per il cosiddetto "cavallo di ritorno" ovvero venivano chiesti soldi al proprietario per la restituzione. Dagli accertamenti è emerso che a commettere i furti erano per lo più minorenni e che la refurtiva veniva sistemata in strutture abbandonate delle campagne o della città. I proventi delle vendite dei pezzi ricavati dai mezzi rubati erano divisi in parti uguali tra i componenti del gruppo ognuno dei quali aveva compiti precisi: c'erano gli "autisti" che facevano da "staffetta", chi segnalava la presenza delle forze dell'ordine in strada e gli "addetti" alla guida dei mezzi rubati mentre per i "cavalli di ritorno" erano impiegate persone che con la loro conoscenza del territorio e capacità intimidatoria, avrebbero avvicinato i proprietari dei veicoli rubati, ai quali chiedere il pagamento di notevoli somme di denaro per riavere i propri mezzi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook