Domenica, 26 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Blitz antidroga, 19 arresti anche a Bari e Taranto. Bambino di 11 anni usato per lo spaccio
OPERAZIONE

Blitz antidroga, 19 arresti anche a Bari e Taranto. Bambino di 11 anni usato per lo spaccio

I carabinieri sono intervenuti anche a Matera e Roma. L'accusa è di aver fatto parte di un’associazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti

Un vastissimo traffico di droga che aveva il suo epicentro nel Metapontino, in Basilicata, ma con ramificazioni anche nella vicina Puglia. A scoprirlo i Carabinieri della Compagnia di Pisticci e Matera  che stanno eseguendo 19 misure cautelari emesse dal gip di Potenza su
richiesta della Direzione distrettuale antimafia del capoluogo lucano, che ha coordinato le indagini.
Gli indagati sono accusati, a vario titolo, di aver fatto parte di un'associazione dedita al traffico e allo spaccio di sostanze stupefacenti, in particolare cocaina, hashish e marijuana. Una organizzazione che avrebbe agito anche con l'utilizzo di armi e usando un metodo mafioso.
Secondo gli investigatori, "il sodalizio criminale individuato operava nella zona del Metapontino, principalmente nei comuni di Scanzano Jonico, Bernalda e Marconia di Pisticci".

L'operazione, nella quale sono impegnati circa cento carabinieri, con unità cinofile dei Nuclei di Tito Scalo (Potenza) e Modugno (Bari), sta interessando le province di Matera, Bari, Taranto e Roma.

Le indagini: pestaggi e violenze. Coinvolto anche un bambino di 11 anni

Il coinvolgimento di un bambino di undici anni, «pestaggi, minacce, violenze e attività di ritorsione»: sono le due principali «strategie diversificate» utilizzate dai componenti di un’associazione per delinquere finalizzata al traffico di droga, con base nel Metapontino, sgominata oggi dai Carabinieri con l’arresto di 17 persone (dieci in carcere e sette ai domiciliari) e l’obbligo di dimora per altre due.
L’operazione - con appendici eseguite in Puglia e nel Lazio - è stata coordinata dalla Direzione distrettuale antimafia di Potenza perché l’associazione ha agito con l’aggravante del numero dei componenti – oltre dieci - dal possesso di armi e «dall’utilizzo del metodo mafioso». Il clan, attivo dal 2020, operava a Marconia di Pisticci, Bernalda e Scanzano Jonico (Matera) e si riforniva di droga nelle province di Bari e Taranto. Secondo l’accusa, l’associazione ha reagito contro chi ostacolava le sue attività preparando un attentato esplosivo verso presunti informatori dei Carabinieri, che però hanno arrestato l’uomo che lo stava preparando sequestrando il materiale da utilizzare per confezionare l’ordigno. Durante le indagini i militari hanno sequestrato cocaina, hascisc e marijuana, oltre 3.500 euro in contanti, 20 candelotti esplosivi artigianali (due dei quali «già riempiti di polvere pirica»), due tubi cilindrici e chiedi e biglie in ferro, da usare per rendere gli ordigni pericolosissimi. Le principali accuse sono di associazione finalizzata al narcotraffico, aggravata dal numero, dalle armi e dall’uso del metodo mafioso, detenzione e spaccio di droga aggravato dall’impiego di un minorenne nell’attività di spaccio, concorso in detenzione e porto illegale di esplosivi e «tentata fabbricazione di ordigni micidiali aggravati dal metodo mafioso».

© Riproduzione riservata

TAG: , ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook