Sabato, 28 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Bari ricorda Peppino Impastato 44 anni dopo l'omicidio
LA RICORRENZA

Bari ricorda Peppino Impastato 44 anni dopo l'omicidio

Quarantaquattro anni dopo l'omicidio per mano mafiosa di Peppino Impastato, attivista e giornalista siciliano che dai microfoni di una radio locale denunciava senza paura l’oscenità del potere mafioso, anche Bari ha voluto ricordarne la figura. Il presidente del Municipio V Vincenzo Brandi ha deposto una corona di fiori presso il toponimo del giardino a lui intitolato, nel quartiere periferico di Catino. Alla cerimonia, organizzata dall’amministrazione comunale in collaborazione con l’associazione Giovanni Falcone, sono intervenuti il presidente dell’associazione, Corrado Berardi, e alcune classi delle scuole Giovanni Falcone e Domenico Vacca dell’I.C. Comprensivo Aristide-Gabelli di Santo Spirito.

“Ricordare Peppino Impastato, morto appena trentenne - ha commentato Brandi -, significa rendere onore a un uomo coraggioso, appassionato della sua terra, della giustizia sociale e della politica come strumento di crescita ed emancipazione per le donne e per gli uomini. Peppino Impastato è stato ammazzato barbaramente dalla mafia per non aver voluto voltare la testa di fronte all’arroganza criminale e al sopruso quotidiano, pagando con la vita per i propri ideali di giustizia e legalità. Per questo è importante continuare a ricordare il suo esempio, specie con le nuove generazioni. Ringrazio Corrado Berardi e l’associazione Giovanni Falcone per l’impegno che da anni portano avanti sul nostro territorio proprio in nome della legalità”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook