Sabato, 25 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rifiuti interrati nella discarica Martucci, i sindaci di Mola di Bari e Conversano: "Non riaprite le vasche"
LA NOTA

Rifiuti interrati nella discarica Martucci, i sindaci di Mola di Bari e Conversano: "Non riaprite le vasche"

In un comunicato congiunto i primi cittadini Giuseppe Colonna e Giuseppe Lovascio si sono rivolti alla Regione per "trovare un sito alternativo"

Strati di rifiuti sono stati trovati interrati fuori dai lotti della discarica Martucci, nel Barese, durante le operazioni di carotaggio. Lo rendono noto i sindaci di Mola di Bari e Conversano, Giuseppe Colonna e Giuseppe Lovascio, i quali hanno informato la Procura e ribadito l'appello alla Regione a "non riaprire le vasche di servizio e soccorso" e a "trovare un sito alternativo".

In particolare sono stati rinvenuti due strati di rifiuti, residui plastici, gomme e alluminio, di cui un primo strato spesso circa venti centimetri di rifiuti di vario genere a una profondità di 4,8 metri circa dal piano campagna, e successivamente un secondo strato di rifiuti da mezzo metro a profondità compresa tra 8,5 e 9 metri dal piano campagna. Il ritrovamento dei rifiuti interrati è stato immediatamente comunicato alla Procura con richiesta da parte dei sindaci di "provvedere con estrema urgenza alla verifica di quanto rinvenuto, al fine di poter prevenire danni ambientali e rischi da potenziale inquinamento".

Il punto dove è stato effettuato il ritrovamento è stato indicato da Arpa Puglia nell'ambito delle attività di approfondimento a seguito del primo rinvenimento di rifiuti fuori dai lotti della discarica, circa un mese fa. Il direttore dei lavori, il geologo Francesco Pezzati, ha quindi ordinato l'immediata sospensione dei lavori. I sindaci Colonna e Lovascio "ferma restando la necessità di procedere al prelievo alle analisi e al monitoraggio delle acque di falda dei tre pozzi individuati", ribadiscono al governo regionale "l'assoluta necessità di non prevedere la riapertura delle vasche di servizio e soccorso così come previsto dal Piano regionale dei rifiuti individuando, attraverso il coinvolgimento degli organi competenti, un nuovo sito alternativo".

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook