Mercoledì, 30 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Andria, dipendenti del servizio trasporto disabili a bocca asciutta da mesi
VERTENZA TUNDO

Andria, dipendenti del servizio trasporto disabili a bocca asciutta da mesi

«I dipendenti del trasporto disabili dell'Asl Bt sono senza stipendio da mesi, ed oltre al danno rischiamo la beffa». Così Alessandro Lionetti, della Cgil Bat, che chiede all’azienda sanitaria «di dare seguito alla delibera dell’ex commissario straordinario Delle Donne per il pagamento diretto delle retribuzioni»
La vicenda vede coinvolti gli ex dipendenti della Tundo Spa, azienda che nel dicembre del 2019 si è aggiudicata l’appalto per il servizio di trasporto dei disabili da e per i centri di riabilitazione dell'Asl Bt. Da ottobre a dicembre del 2020 il contratto è stato gravato da una serie di contestazioni d’addebito e in presenza di accertate situazioni debitorie nei confronti di diversi dipendenti, 5 per l’esattezza.
Si è aperta una vertenza e l'Asl ha comunque manifestato la volontà di pagare le retribuzioni arretrate in favore dei lavoratori, ma mancano all’appello mensilità da luglio a novembre, tredicesima, quattordicesima e Tfr.
«Malgrado numerosi solleciti, anche di natura legale fatti dal nostro avvocato Andrea Savella - fa sapereLionetti -, l’ufficio preposto non ha ancora provveduto all’elargizione dei pagamenti, non dando continuità alla delibera del commissario straordinario. Pretendiamo chiarimenti tempestivi in merito e, ancora una volta, a gran voce, denunciamo la precarietà della condizione di lavoratori e l’annoso problema dell’avvicendamento frequente dei destinatari dell’appalto, che determina incresciosamente la perdita dei diritti acquisiti in precedenza e l’incertezza non più tollerabile della propria situazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook