Lunedì, 27 Giugno 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Rapina e violenta una donna, ma "il fatto non sussiste": assolto in Appello a Taranto
L'INCUBO

Rapina e violenta una donna, ma "il fatto non sussiste": assolto in Appello a Taranto

Risultanze dei tabulati telefonici acquisiti che dimostravano rapporti pregressi della donna con il 42enne, sempre negati dalla vittima, che in sede di interrogatorio si è contraddetta «in più occasioni sia in merito alle modalità della presunta violenza sessuale che alla rapina subita»
violenza sulle donne, Puglia, Cronaca

Condannato a 4 anni e 10 mesi per violenza sessuale, rapina e lesioni gravi in primo grado, un 42enne di San Marzano di San Giuseppe è stato assolto dalla Corte d’Appello di Lecce, sezione staccata di Taranto. «Il fatto non sussiste», hanno stabilito i giudici. L’imputato era accusato di abusato a novembre 2014 di una donna rumena cui aveva sottratto, a pugni e calci, una borsa, un telefono cellulare e documenti di identità, procurandole lesioni guaribili in dieci giorni. La donna aveva sporto denuncia alla polizia a Grottaglie.

«Per quest’uomo, incensurato, con la sentenza di appello è terminato un incubo», sottolinea Dario Iaia, legale dell’uomo insieme ad Antonio De Mauro. A sostegno della tesi della difesa, risultanze dei tabulati telefonici acquisiti che dimostravano rapporti pregressi della donna con il 42enne, sempre negati dalla vittima, che in sede di interrogatorio si è contraddetta «in più occasioni sia in merito alle modalità della presunta violenza sessuale che alla rapina subita».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook