Martedì, 29 Novembre 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Sacrilegi in Puglia, rubato il Bambinello in piazza Duomo a Lecce e i gioielli della Madonna a Taranto

Sacrilegi in Puglia, rubato il Bambinello in piazza Duomo a Lecce e i gioielli della Madonna a Taranto

Sacrilegio. Anzi, doppio sacrilegio. In Puglia sono stati presi di mira luoghi sacri alla vigilia del nuovo anno. A Lecce è stato rubato il bambinello del grande presepe allestito in piazza del Duomo. Ignoti nella notte hanno trafugato la statua del bambino posizionata al centro della installazione davanti alla chiesa del Duomo. Una sorta di infelice rituale che si ripete ogni anno con grande amarezza da parte dei leccesi e della curia. Le forze dell’ordine sono al lavoro per verificare se vi siano filmati delle telecamere di videosorveglianza che abbiano potuto riprendere il ladro.

A Taranto, invece, «sono stati sottratti dall’icona della Madonna della Salute dell’omonimo santuario, i gioielli che l’ornavano». Lo annuncia oggi monsignor Emanuele Ferro, portavoce dell’arcivescovo, Filippo Santoro. Sull'episodio indagano i carabinieri. Il Santuario, restaurato e inaugurato pochi anni fa dopo una chiusura durata molto tempo, è nella città vecchia ed è affidato allo stesso monsignor Ferro, che è anche parroco della Cattedrale San Cataldo. «La tela - prosegue il portavoce dell’arcivescovo - fortunatamente non è stata deturpata. Gli ex voto, copia fedele di quelli custoditi altrove, hanno un valore puramente devozionale, sono segno dell’affetto dei tarantini verso la Madre di Dio, testimonianze di fede, di gratitudine e di supplica per il dono della salute, per tale ragione la comunità cristiana rimane oltremodo ferita da questo furto sacrilego». Ferro annuncia che «oggi 31 dicembre l’arcivescovo Filippo Santoro alle 17 si recherà nel santuario per rivolgere una preghiera alla Vergine Salus Infirmorum». «Si spera nel pentimento di chi ha compiuto questo atto vergognoso e che, toccato in coscienza, trovi il modo di restituire gli oggetti sacri», conclude il portavoce dell’arcivescovo di Taranto.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook