Giovedì, 26 Maggio 2022
stampa
Dimensione testo

Cronaca

Home Cronaca Tangenti, pressioni su funzionaria Puglia per favorire un'impresa: “Un regalo fatto dal dottore...”
L'INCHIESTA

Tangenti, pressioni su funzionaria Puglia per favorire un'impresa: “Un regalo fatto dal dottore...”

L’ex dirigente della Protezione civile della Regione Puglia Mario Lerario, in carcere dal 23 dicembre per corruzione dopo aver intascato due presunte tangenti da due imprenditori, avrebbe anche fatto «pressioni» su una funzionaria regionale perché rilasciasse a uno dei due imprenditori una certificazione non dovuta. «Un regalo fatto dal dottore» dirà poi l’imprenditore in una intercettazione dopo aver ottenuto la certificazione: è uno dei particolari che emergono dagli atti che hanno portato all’arresto dell’ex manager e dei due imprenditori Luca Leccese di Foggia, e Donato Mottola di Noci (Bari), entrambi in affari con la Protezione civile per appalti relativi alle strutture per l’emergenza Covid. La vicenda delle presunte «pressioni» riguarda Mottola, il quale il 22 dicembre ha poi consegnato all’allora dirigente una "mazzetta» da 20 mila euro. Un atteggiamento, quello degli imprenditori, che il giudice definisce «più servile che riverente».

In una intercettazione del 21 ottobre 2021 nell’ufficio di Lerario, emerge che Mottola «era interessato ad ottenere una Certificazione di esecuzione dei lavori (Cel) che potesse dargli la possibilità di ottenere un’attestazione Soa, il cui possesso avrebbe accresciuto il valore della sua azienda, acquisendo la possibilità di partecipare ad appalti altamente remunerativi». La funzionaria preposta al suo rilascio avrebbe inizialmente negato l’emissione del certificato «ritenendo - si legge negli atti - che non vi fossero i presupposti». La funzionaria «dice che sta parlando di un appalto di oltre un milione - ricostruisce il giudice nell’ordinanza - e poi ci sta un altro di 100mila euro, spiegando che il problema lo potrebbero creare la Soa e l’Anac con dei controlli incrociati». A quel punto Mottola si sarebbe rivolto direttamente a Lerario, «per ovviare all’inconveniente e ottenere il documento da lui preteso», il quale «esercitava pressioni» sulla funzionaria, «convocandola nel suo ufficio" alla presenza dell’imprenditore e, «nonostante la contrarietà della stessa, la convinceva a dare corso al rilascio della certificazione».

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook